Un nonno in Piazza Bra

Le due coppie dei miei nonni, paterni e materni, festeggiarono entrambe le nozze d’oro, e la stessa fortuna l’ebbero i miei genitori e anche quelli di mia moglie.

Dai nonni sono derivati tanti rivoli di figli e nipoti e anch’io, sposato ormai da quarantasei anni con la stessa donna (senza vergognarmi), ho due meravigliosi nipoti, figli di mio figlio.

Scusate la genealogia personale, ma ne vado fiero e ringrazio il Buon Dio che ci ha voluto e continua a volerci bene.

Amo la famiglia; la mia naturalmente e tutte quelle che in ogni civiltà finora conosciuta si sono avvicendate nei secoli permettendoci di essere qui, noi oggi, a goderne i benefici.  Accoglienza, educazione, supporto economico e morale, sostentamento nelle difficoltà, gioia comune nel sereno procedere della vita, cellula e cemento delle organizzazioni civili.

Soffro quando avverto pericoli e tempeste addensarsi e accanirsi su un’istituzione tanto nobile, più antica del singolo individuo. E al contrario mi ringalluzzisco e faccio il possibile per partecipare di persona ad ogni manifestazione indetta per ricordarne ed esaltarne il valore insostituibile della società umana.

Ovvio quindi dire che, come nel passato partecipai con entusiasmo ai due Family Day di Roma, domenica scorsa non potevo mancare a Verona in occasione della marcia per – appunto – la Famiglia.

Come parziale scusa per il mio assentarmi, avevo detto a mia moglie, più stanziale di me, che a Verona avrei trovato duecentomila miei parenti … i veronesi, appunto. (I miei antenati provengono davvero da quella bella città). E poi il treno per la città scaligera passa dalla mia cittadina, tutto facile arrivarvi con l’amico (“collega” nonno) Piero.

Ho trovato tantissimi bimbi, a piedi e in carrozzina, con genitori e naturalmente nonni. Sacerdoti, frati e suore. Mancavano totalmente i cartelli ‘contro’ qualcuno o qualcosa, non vi erano urla o esagerazioni nei comportamenti dei ‘marciatori’. Mi sono parsi desolati gli operatori delle TV nel dover riscontrare solo gioiosa normalità. Due ore di serena allegria in un lunghissimo corteo, con un tripudio di tanti palloncini rosa e azzurri, che si è snodato per i viali attorno alla magnifica Arena, col bacio del sole sulle tenere e verdi foglie degli alberi (NdR: soprassalto poetico del nonno).

Ragazzini canterini, nessuna bandiera o vessillo o uomo politico, striscioni delle città di provenienza dei partecipanti (mi sono rallegrato, un po’ partigiano, leggendo “Bologna c’è”, all’indomani della vittoria della mia squadra del cuore all’ultimo minuto. E mentre eravamo in corteo è arrivata anche la notizia che la nostra seconda squadra di basket, da buona “aquila”, era volata in serie A!).

I numerosi poliziotti che erano stati chiamati per proteggere il corteo da eventuali malintenzionati stazionavano sorridenti ai bordi delle strade e delle piazze. A qualcuno di essi veniva offerto un caffè dai sorridenti manifestanti.

Tutti muto, allora, il corteo? No, venivano a ripetizione lanciati tanti “Evviva!”: alla famiglia, a tutte le mamme, e anche ai papà. (Non venivano ricordati i nonni, è vero, ma prima di esserlo divenuti … siamo pur sempre papà anche noi!!).

E infine, oltre ai vessilli di associazioni impegnate nell’appoggio alla famiglia, innumerevoli i cartelloni inneggianti ai valori naturali (preferisco chiamarli cosi) della stessa. Tutte scritte di pace, amore, ringraziamento a Dio per la Vita in assoluto e a quella che ci ha dato.

Da annotare una lieve e ironica polemica a distanza con riferimento ad un cartello (diciamo pure di carattere offensivo) esibito in una marcia di altri: sul tema del motto mazziniano “Dio, patria e famiglia”, tante ed ammirate erano domenica le variazioni del tipo: “Dio, patria e famiglia: che meraviglia!”.

Che meraviglia davvero! La manifestazione, tutta quella gente, la Vita e la Famiglia!

Il nonno Giorgio

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Crea il tuo sito web con WordPress.com
Crea il tuo sito
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: